Vai al contenuto

Per l’Italia: il contributo dei cattolici, Spreafico e Cananzi l’8 ottobre a Frosinone

04/10/2011

Quale è stato il contributo dei cattolici alla formazione dell’Italia e quale il ruolo dei credenti in Cristo nella società attuale?. Ne discuteranno a Frosinone, sabato 8 ottobre, alle ore 17, nel Palazzo dell’Amministrazione Provinciale, il vescovo di Frosinone, mons. Ambrogio Spreafico, e il presidente emerito dell’Azione Cattolica Italiana, il sen. Raffaele Cananzi . L’iniziativa è della Presidenza diocesana dell’Azione Cattolica della diocesi frusinate che vuole così offrire un’occasione di confronto a quanti non vogliono rassegnarsi ad un Italia disamorata, ma vogliono invece rinverdire quei valori che hanno consentito a questo nostro Paese di diventare una nazione e di crescere unitariamente.

Il contributo dei cattolici è stato importante, in questi 150 anni, non tanto per l’Unità d’Italia quanto per l’unità degli italiani, per la costruzione di legami di fraternità e di conoscenza, anche nelle diverse parti del Paese. Così si legge nel comunicato di presentazione del Convegno, in programma sabato 8 ottobre nel salone dell’Amministrazione provinciale a Frosinone.

 

La situazione attuale, alla luce dello stretto legame tra etica e politica, è molto seria, – prosegue il comunicato – soprattutto nella realtà della vita quotidiana , dove riscontriamo perdita del senso di responsabilità nei confronti della comunità ed uno scarso e non sufficiente esercizio delle proprie professionalità per compiere bene quello che si fa. Oggi il ruolo dei cattolici – continua la nota dell’Ac diocesana – dovrebbe essere la conseguenza, la continuazione e lo sviluppo di quello che è stato nei momenti migliori per la costituzione della Repubblica.

L’occasione di confronto fra il vescovo Spreafico e il sen. Cananzi cade a proposito per fare il punto sui recenti interventi del card. Bagnasco e del vescovo Crociata, rispettivamente presidente e segretario della Conferenza Episcopale Italiana. I cattolici sono consapevoli dell’impossibilità di rimanere “spettatori intimiditi” e rassegnati a subire una sorta di “oscuramento della speranza collettiva” e vogliono lavorare per le molteplici iniziative con cui la Chiesa sostiene il bene comune, da quelle caritative a quelle formative, educative e culturali, volte anche a favorire l’adesione ai valori dell’umanizzazione – o valori irrinunciabili, per cui l’etica della vita è fondamento dell’etica sociale – e la partecipazione attiva dei cattolici alla vita pubblica. Il dibattito di sabato sarà anche l’occasione per calibrare questa necessità di rinnovato impegno dei cattolici nel territorio frusinate.

 

In preparazione al Convegno, l’Azione Cattolica Diocesana ha messo a disposizione una scheda di approfondimento che qui si riporta.

ditalia fratelli

Il Convegno avrà inizio alle ore 17.

No comments yet

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: